Simone Andreoli è un nome che fissa composizioni olfattive con ricordi e memorie di paesi lontani, imprimendo i pensieri di un diario di viaggio in ogni profumo come se fosse la tela di un pittore o il pentagramma di un musicista.

Il diario racconta dell’errare costante nelle strade del mondo che diventano spazi individuali dove l’olfatto si trasforma in storia, ricordo ed emozione.

Le sue pagine ci parlano e insieme agli odori ci guidano nel nostro intimo archivio per ricondurci in ogni dove e in ogni luogo; l’esperienza sensoriale si estende, andando oltre la pelle e diventa itinerante evocazione di destinazioni percorse e angoli remoti.

Il profumo è protagonista, narratore di storie che si intrecciano fra parole scritte e reminiscenze disciolte in un sodalizio di odori, dove la materia si mescola per riportarci in quella spiaggia dimenticata o nel traffico di Wallstreet.

Il viaggio non è più soltanto un percorso verso un luogo, ma introspezione, ricerca e conoscenza. Così navighiamo sospinti dagli odori nel viaggio più difficile e misterioso, la scoperta interiore dell’io più profondo.

Il nostro credo produttivo è retto da un principio fondamentale, la ricerca.

Le materie prime impiegate nella produzione sono selezionate nel rispetto dei più rigorosi standard qualitativi per garantire al consumatore un prodotto di eccellenza, senza compromessi.

Amiamo creare profumi con accostamenti olfattivi originali, che non risentano di mode passeggere ma che servano esclusivamente a identificare la propria individualità e distaccarsi così da tutto ciò che è convenzionale e standardizzato.

Lavoriamo ogni giorno per tutti coloro che vogliono sentirsi unici, sofisticati e curiosi di sperimentare il nuovo. Viviamo il profumo come espressione di noi stessi ed estensione della nostra anima creativa per riconoscerci individualisti urbani del mondo.